Esci dai Frame

  ARCHITETTURA E COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA 4 Docente: Luigi Ramazzotti Email: ramazzotti@ing.uniroma2.it Telefono: 0672597071
    Programma del Corso
 
CORSO DI ARCHITETTURA e COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA - 4 - Prof. Luigi Ramazzotti Università di Roma ''Tor Vergata'' a.a. 2009-10 1- PROGRAMMA ESERCITAZIONI ( per il calendario completo delle lezioni,seminari, esercitazioni vedi foglio excel ) – Inizio Corso/Esercitazione 12 marzo 2010 Il tema dell’esercitazione: progetto di riqualificazione urbana dell’unità residenziale Villa Adriana-Tivoli ( vedi il Piano direttore fornito dal Corso ) ● Inquadramento dell’ambito urbano 1- Studio e lettura critica del Complesso residenziale, Villa Adriana – Tivoli Legge 14.02.1963 n. 60, art. 15/1 per 155 alloggi e servizi in località Rosolina, Committente: IACP – Roma, Progettisti: A. Bruschi, P. Jacobelli, L. Lemmi, E. Piroddi. Progetto: 1975 - Realizzazione: 1976-1987, Impresa: Cav. Antonio Troisi & Figli. In questa fase di conoscenza si richiede: 1a – sopralluogo con campagna fotografica, schizzi e disegni sul posto ( il 19 marzo 2010 ) 1b – analisi e conoscenza del progetto attraverso il disegno delle piante, sezioni e prospetti sulla base dei materiali forniti dal Corso ( entro il 16 aprile 2010 ) 1c – preparazione di un modello 3D, utile per la lettura dell’intervento realizzato e per l’inserimento dei progetti degli allievi ( entro il 23 aprile 2010 ) 2- Ricerca, documentazione e organizzazione critica di materiali conoscitivi e di modelli di riferimento per le fasi successive di progetto in funzione dei Temi assegnati ai punti 3 e 4. Il materiale raccolto in modo sistematico, insieme alle elaborazioni di cui ai punti 1a.1b.1c, verrà organizzato nella forma di una Relazione illustrata in formato A3. ● Progetto 3- Progetto di riqualificazione urbana ( elaborato dal gruppo di progettazione ): Piano generale di riqualificazione che interpreta, definisce ed esplicita i criteri guida e i temi di progetto impostati dal Piano Direttore fornito dal Corso. Le scale di progetto sono il 1:2.000/1.000 per schemi e diagrammi, il 1:500 per Il Piano generale, che sarà descritto da una pianta del piano terra, una planimetria o planivolumetrico, profili-sezioni, assonometrie e vedute prospettiche di insieme inserite nel modello 3D di cui al punto 1c. La proposta progettuale verrà inserita all’interno del progetto originario ridisegnato come ai punti 1b e 1c. Elaborati richiesti: n° 2 Tavole in formato A1. Verifica e discussione collegiale il 30 aprile 2010. Verranno presentate le fasi 1,2,3 con proiezione da file Power Point . 4- Progetto dei Temi assegnati (elaborati dal singolo allievo, un solo tema per allievo. Il Tema 5 è ricompreso nei Tema 1 e 2. I Temi 3 e 4 vanno affrontati in modo unitario e costituiscono un solo argomento di progetto ). In questa fase di definizione architettonica il lavoro si sviluppa attraverso il progetto individuale dei singoli componenti del gruppo. I progetti verranno inseriti nelle due tavole di insieme di cui al punto precedente. Tema 1 completamento residenza e attrezzature sportive. Interessa la fascia Nord sul lato esterno dell’edificio lungo con ballatoio. Si richiede una definizione progettuale dell’attacco a terra degli alloggi duplex assecondando e qualificando il fenomeno in atto di appropriazione spontanea e privatizzazione del suolo; può essere valutato un eventuale riesame distributivo e spaziale degli alloggi. Le aree libere rimanenti (attualmente non completate secondo il progetto originario), richiedono la definizione di un nuovo nucleo residenziale, e di attrezzature minime dedicate allo sport. Si dovrà tener conto delle gerarchie tra i volumi esistenti. La nuova proposta farà riferimento all’ impianto tipologico e morfologico che discende dall’idea di “ unità di abitazione orizzontale”. Il Tema 1 è correlato al Tema 5. Tema 2 completamento residenza e servizi residenza. Interessa la fascia Ovest sul lato esterno dell’edificio a L. Vive il programma definito per il Tema 1. La destinazione del servizio pubblico per la residenza, per il quale il progetto originario prevedeva una Scuola Elementare non realizzata, può essere decisa dagli allievi, sulla base di scelte motivate e congruenti con il progetto generale di riqualificazione urbana. Il Tema 2 è correlato al Tema 5. Tema 3 riqualificazione del nucleo attrezzato (fascia di mediazione, progetto di suolo). Si richiede un progetto di suolo che migliori le relazioni tra le parti del nucleo interno e di questo con la residenza. È richiesta la riqualificazione del sistema in corrispondenza delle due testate all’ingresso e a monte. La proposta terrà conto anche delle indicazioni provenienti dall’analisi delle varianti del progetto originario. Il Tema 3 è correlato al Tema 4. Tema 4 completamento del nucleo attrezzato ( verde, volumi ). Interessa il nucleo centrale di attrezzature collettive ( negozi, attrezzature collettive, scuola materna e asilo nido - piazza coperta non realizzati ). La costruzione inusuale dello spazio centrale dove il vuoto, che è costitutivo della corte, viene declinato da una sequenza di volumi autonomi e ordinati per conseguire una inedita spazialità urbana, propone un interessante problema di progetto. La ricerca di una soluzione pertinente mette in discussione l’opportunità o meno di un completamento dei volumi e della piazza coperta, mentre richiede una definizione dei margini della piazza interna triangolare, la verifica e una nuova distribuzione dei parcheggi, la riqualificazione del verde. Il Tema 4 è correlato al Tema 3. Tema 5 riqualificazione degli attacchi al suolo. Il tema sollecita una riflessione sulla natura e sulle modalità di attacco al suolo sui tre lati esterni dei tre corpi residenziali. Recinto, fascia di mediazione, percorribilità pedonale, materiali, verde: sono questi gli elementi minimi con i quali il progetto lavora, confrontandosi con il problema delle differenze gerarchiche che caratterizzano attualmente i fronti esterni e quelli interni. Il Tema 5 è correlato ai Temi 1 e 2. Le scale di progetto sono il 1:500 /1:200 e 1:100. Il progetto sarà descritto dalle piante di tutti i livelli significativi, prospetti, sezioni, assonometrie e vedute prospettiche inserite nel modello 3D. Il modello verrà definito e particolareggiato nelle parti oggetto di approfondimento progettuale. La proposta verrà inserita all’interno del progetto originario ridisegnato come ai punti 1b e 1c. Elaborati richiesti: n° 3 Tavole in formato A1. Viene indicato il n° minimo di tavole necessarie allo sviluppo del progetto. Le Tavole saranno in formato A1 utilizzando il Layout fornito dal Corso.