Esci dai Frame

  CIRCUITI ELETTRONICI DI CONTROLLO Docente: Stefano Bifaretti Email: bifaretti@ing.uniroma2.it Telefono: 0672597397
    Programma del Corso
 
OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso si propone di fornire una conoscenza di base delle metodologie di analisi dei circuiti elettronici in transitorio, di controlli automatici e dei principali componenti elettronici.

PROGRAMMA DEL CORSO

Richiami sui componenti lineari passivi e sulle reti elettriche. Resistore, Condensatore, Induttore, Induttori mutuamente accoppiati. Generatori indipendenti ideali e reali di tensione e corrente. Legge di Ohm. I e II legge di Kirchhoff. Metodi di risoluzione di una rete lineare: metodo delle maglie e metodo del potenziale ai nodi. Teoremi delle reti elettriche: Sovrapposizione degli effetti, Teoremi di Thevenin e Norton. Equivalenza fra generatore di tensione e di corrente.
Analisi dei circuiti nel dominio del tempo.Carica e scarica del condensatore. Risposta all’onda quadra del circuito CR. Carica e scarica dell’induttore. Risposta all’onda quadra del circuito LR. Circuito risonante serie RLC. Trasformata di Laplace: definizione e proprietà. Definizione di Antitrasformata. Segnali di ingresso canonici (impulso, gradino, rampa, rampa di ordine k) in funzione del tempo e di s. Metodo di analisi dei circuiti nel dominio di Laplace. Rappresentazione del circuito trasformato: equivalenza dei componenti passivi nel dominio di s. Analisi dei circuiti RC, RL, RLC nel domino di s. Modello matematico di un sistema di ordine n. Funzione di trasferimento. Metodi di antitrasformazione: scomposizione in fratti semplici nel caso di poli semplici e nel caso di poli multipli. Risposta impulsiva. Definizioni di stabilità di un sistema. Risposta armonica. Rappresentazione della risposta armonica: Diagrammi di Bode. Risposta in frequenza dei circuiti RC, RL, RLC. Rappresentazione di un sistema con schemi a blocchi nel dominio di s. Semplificazione di schemi a blocchi in s: blocchi in serie ed in parallelo. Sistemi a controreazione. Riduzione dell’influenza dei disturbi e delle variazioni parametriche in sistemi a catena chiusa. Stabilità nei sistemi a catena chiusa. Criterio di Bode. Margine di fase e di guadagno. Esempio di applicazione del criterio di Bode. Errore a regime di un sistema sollecitato da ingressi canonici.
Amplificatore operazionale: caratteristiche ideali, funzionamento ad anello aperto, caratteristica ingressi-uscita. Comparatore. Funzionamento ad anello chiuso. Amplificatore non invertente e corrispondente diagramma a blocchi in controreazione. Amplificatore invertente, sommatore invertente, amplificatore differenziale. Integratore e Derivatore.

TESTI DI RIFERIMENTO:
E. Cuniberti, L. De Lucchi “Elettronica Analogica” Vol. A – Ed. Petrini.
R. Vitelli, M. Petternella “Fondamenti di automatica” – Ed. Siderea.

RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO: Capacità di analisi nel dominio del tempo e della frequenza di circuiti elettronici elementari.

PROPEDEUTICITA': Nessuna.