Esci dai Frame

  COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE Docente: Giulio Latini Email: giu.latini@tiscalinet.it
    Programma del Corso
 
ANNO ACCADEMICO 2016/2017

Modulo A

Il modulo è teso a ripercorrere la vicenda storica e i caratteri specifici della comunicazione cinematografica elaborata dalle imprese industriali internazionali a partire dagli ultimi anni dell'Ottocento fino agli anni ottanta del Novecento. Una modalità di comunicazione che ha generato numericamente il più consistente formato/genere filmico della storia cinematografica. E al contempo, un preziosissimo giacimento testimoniale sulla relazione tra visualità, potere e organizzazione industriale delle società moderne.

Bibliografia d’esame:

G. Latini, Immagini-Mondo. Breve storia del cinema d’impresa, Edizioni Kappabit, Roma, 2016

V. Hediger - P. Vonderau (eds), Films that Work: Industrial Film and the Productivity of Media, Amsterdam University Press, Amsterdam, 2009 (il volume è gratuitamente consultabile all’indirizzo:http://dare.uva.nl/cgi/arno/show.cgi?fid=165449)



ANNO ACCADEMICO 2015/2016

Modulo A

Il modulo tematizza sia sul versante teorico che analitico la nozione di universo post-cinematografico, sollecitandola in più direzioni attraverso un cospicuo accostamento a campioni esemplari audiovisivi ad essa riferibili: dai film interattivi agli urban screen, dai fashion movie alle immagini animate di Virtual Reality, Augmented Reality e alle Wearable Technologies, fino agli oggetti dinamici e alle videoinstallazioni agenti in ambito new media arts.

Bibliografia d’esame:

Francesco Casetti, La galassia Lumière. Sette parole chiave per il cinema che viene, Bompiani, Milano, 2014

Miriam De Rosa, Cinema e postmedia. I territori del filmico nel contemporaneo, Postmedia, Milano, 2013



ANNO ACCADEMICO 2014/2015

Modulo A

Lo sviluppo in senso mediale delle metropoli, le peculiari modificazioni occorse al loro tessuto visivo-acustico, alle loro tramature comunicative e culturali. A partire da dispositivi quali gli urban screen che giungono a strutturare delle spettacolari architetture cinematografiche e giungendo alle immagini animate di Augmented Reality che coesistono con le tramature fisiche percorse stabilmente dai cittadini-utenti. Dispositivi comunicativi mediante i quali si sta articolando sempre più una modalità esperienziale degli spazi pubblici nel segno di una profonda dialettica, ove le coordinate fisiche interagiscono massivamente con gli esiti di nuove tecnologie, con una diversificata serie di schermi fissi e mobili che fanno del flusso informativo e di intrattenimento un vettore propulsivo dagli sviluppi impensati, promuovendo ampi interrogativi pluridisciplinari (dall’architettura, all’urbanistica, alla sociologia, alla mediologia). Da tali premesse muove l’obiettivo del modulo, teso a riflettere sui termini principali dello scenario designato da questa estensiva forma di rispazializzazione della nozione di metropoli (città-schermo, media-city ecc.), analizzando talune delle maggiori esperienze internazionali configurate in tale direzione, sia in termini prototipali che effettivi.

Bibliografia d’esame

S. Arcagni, Screen City, Bulzoni, Roma, 2012

V. Codeluppi, Metropoli e luoghi del consumo, Mimesis, Milano-Udine, 2014

Gli studenti non frequentanti devono aggiungere ai testi sopra indicati:
S. Arcagni, Oltre il cinema. Metropoli e media, Kaplan, Torino, 2010


ANNO ACCADEMICO 2013/2014

Programma Modulo A

Il modulo,dopo aver delineato i fondamenti categoriali e le principali modalità di interrelazione tra componente visiva e componente sonora operanti nella scrittura filmica, prende in esame alcuni dei massimi esiti linguistico-espressivi materializzati, in chiave realmente audiovisiva, da cineasti quali Hitchcock, Ophuls,Welles, Tati, Coppola, Tarkovskij, Lynch ecc.



Bibliografia d’esame

M. Chion, Un’arte sonora, il cinema, Kaplan, Torino, 2007 (Parte seconda – Estetica e poetica: dal capitolo 11 al capitolo 26)

L. Jullier, Il suono nel cinema. Storia, regole, mestieri, Lindau, Torino, 2007

G. Latini, L’immagine sonora. Caratteri essenziali del suono cinematografico, Artemide, Roma, 2006 (capitoli 8 e 9)

Programma Modulo A

ANNO ACCADEMICO 2012/2013

Programma Modulo A

Il corso, dopo una prima parte di ordine teorico sulle caratteristiche specifiche del documento audiovisivo e sulle metodiche internazionali di catalogazione e descrizione dei documenti audiovisivi e multimediali, è finalizzato a sviluppare le competenze tecniche di base necessitanti alla schedatura di dette diversificate fonti documentarie attraverso un cospicuo numero di esercitazioni guidate per gradi crescenti di complessità



Bibliografia d’esame

Dispensa del corso (reperibile presso l’edificio di Universitalia, Via di Passolombardo 421)