Esci dai Frame

  LETTERATURA ANGLO-AMERICANA LS I MOD. A Docente: Elèna Mortara Email: mortara@lettere.uniroma2.it
    Programma del Corso
 
PGROGRAMMA
Tradizione e modernità nella letteratura americana del Novecento. Il passaggio dal “vecchio mondo” europeo al “nuovo mondo” americano, il trauma della shoà, il coesistere delle culture e gli eterni interrogativi esistenziali nella narrativa di Isaac Bashevis Singer, nel contesto della tradizione letteraria degli Stati Uniti.

BIBLIOGRAFIA
- I.B. Singer, The Collected Stories, New York, Farrar, Straus and Giroux, 1982 (i seguenti testi: “Author’s Note,” “Zeidlus the Pope,” “Gimpel the Fool,” “The Little Shoemakers,” “The Last Demon,” “The Cafeteria,” e un altro racconto a scelta dello studente.

- Dispensa del corso, disponibile presso il Focal Point e in biblioteca, con testi di Jefferson, Whitman, Lazarus, Cahan, Glatstein, Ozick, narrativa per l’infanzia e saggi critici di I.B. Singer, oltre a fonti secondarie relative agli autori letti e al profilo storico-letterario (segue l’indice dettagliato della dispensa).

- G. Fink et al., a cura di, Storia della letteratura americana, Milano, Sansoni, 2001 (dai capitoli III-V, pp. 131-214, 224-229; 231-249, 252-297, 347-356; pp. 398-443, 455-469; N.B. le pp. sottolineate vanno approfondite perché collegate più direttamente ai temi del modulo), - oppure, in alternativa, M. Cunliffe, Storia della letteratura americana, 2 voll., ed. a cura di M. Bacigalupo, Torino, Einaudi, 1986 (pp. 229-325, 357-403, 425-430, 438-518, con particolare attenzione ai capitoli 8 e 13), o altro manuale: documentarsi sui principali movimenti letterari e scrittori dalla Guerra Civile all’età di I. B. Singer, con approfondimento della tradizione narrativa; per i riferimenti al profilo di storia letteraria precedente, vedasi testi in dispensa.

- E. Mortara, Letteratura ebraico-americana dalle origini alla shoà, Roma, Litos, 2006 (pp. 29-33 e 65-137 della I parte del vol., pp. 141-172 della II parte, e un cap. a scelta dello studente dalla II o III parte del testo).

Relazione scritta (da far pervenire al docente, nella cassetta della posta o a ricevimento, almeno una settimana prima dell’esame): la breve relazione di 2 o 3 pp., con titolo a scelta dello studente, deve essere relativa a temi e testi facenti parte del programma, e va corredata di note e di breve bibliografia. Nella copertina della relazione indicare a.a., disciplina, nome del docente e dello studente, e argomento della relazione.

Per gli studenti non frequentanti anche: M. Walzer, Che cosa significa essere americani, trad. di N. Urbinati, Venezia, Marsilio, 1992, o altro testo, da concordare con il docente.